Menu Contattaci Scrivici su WhatsApp

Bioenergetica: ricerca e scoperta del nostro mondo interno-esterno

Un importante fonte di attivazione energetica è la pratica sessuale

Definizione di Analisi Bioenergetica

Il significato di analisi è: studiare in modo profondo tutto quello che è oggetto dello studio. Bioenergia è una definizione che si riferisce a quella forza vitale, ancora sconosciuta, che anima, muove, fa vivere e rende manifesto "ciò che non si vede". L'analisi bioenergetica, riferita esclusivamente al mondo dell'uomo, significa: osservare, cercare di scoprire, penetrare, per quanto sia possibile, nell'intimità, nelle movenze occulte o palesi di quello che siamo, di come siamo, di come ci rapportiamo, di come gioiamo, di come soffriamo ed amiamo. Analisi bioenergetica significa quindi ricerca e scoperta del nostro mondo interno-esterno. Per capire perché si utilizzi questo metodo di ricerca e di conoscenza può essere utile metterci di fonte ad uno specchio: nudi. 

Questo sono Io, questo è il mio corpo, questo è quello che il mondo vede di me. Questo è quello che io accetto e che io rifiuto di me. Questo è quello che il mondo accetta e rifiuta di me. Ma non solo questo. Nei miei occhi si sono emozioni, lampi, indifferenza, gelo, paura e tante altre cose ancora. La mia mandibola è serrata o rilassata, la mia fronte è corrugata o liscia, le mie spalle sono sollevate o protese in avanti, le mie braccia sono rigide o morbide. Il mio bacino è spinto in avanti o indietro, le mie gambe sono forti e solide oppure sottili e fragili. Lo specchio mi dice come sono io, come appaio, come sono visto ma anche come mi pongo, come mi propongo, come mi sono strutturato, come ho assunto la forma che ho. 

L'analisi bioenergetica mi dice anche perché. Se lo specchio ne avesse il potere, al mio fianco potrebbero apparire sia l'immagine di me impaurita, contratta, succube, insicura, ansiosa, sia l'immagine arrabbiata, cattiva, selvaggia, spietata e crudele. lo specchio potrebbe anche riflettere l'immagine dolce, lo sguardo tenero, l'atteggiamento positivo. Lo specchio quindi mi può restituire quello che sono ed i miei fantasmi: quello che vedo e quello che mi sembra di vedere, o mi sembra sia visto dagli altri. Lo specchio, però, è insufficiente a dire tutto di me: infatti io esisto come realtà concreta che tocca il mondo e che viene toccata dal mondo. Esiste la mia realtà corporea. La mia pelle viene accarezzata dall'aria, dal vento, dai vestiti, dalle mani, dai corpi degli altri esseri umani, i miei muscoli si oppongono, attirano, aggrediscono, si muovono liberi nello spazio intorno a me, i miei visceri assorbono, respirano, mi nutrono, mi procurano estasi, felicità, subiscono dolori e malattie. Esistono quindi di me l'immagine, le emozioni, i sentimenti, il mio cervello che pensa, progetta, ricorda ed il mio corpo visibile. 

La ricerca di me, dentro di me, è l'Analisi Bioenergetica. Grazie ad essa io mi ricordo di sentire che l'aria, quando respiro, mi riempie e mi abbandona, che i miei piedi pesano sulla terra o sono leggeri e rassicurano o no il mio equilibrio. Grazie all'analisi bioenergetica distolgo sempre di più la mia attenzione dalle cose fuori di me per centrarla su di me. Il processo, in definitiva, di questa ricerca, è mettermi in condizione di sentirmi, modificarmi per quanto è possibile e come voglio, se ci riesco, restando nella pulsazione della vita.

Il concetto di Energia

Noi non sappiamo cosa sia l'energia nella sua intima essenza, qual'è la sua origine e qual'è la sua fiamma che l'accende: noi conosciamo solo la sua manifestazione che sfruttiamo e condizioniamo. Il concetto di Bioenergia nella clinica e nella terapia, riferita all'uomo, parte da due presupposti, l'uno controllabile e l'altro incontrollabile. 

Riguardo agli aspetti dell'energia che possiamo quantificare (respiro e nutrizione), concentreremo la nostra attenzione soprattutto sulla respirazione. 

Attivazione dell'energia

L'energia si può attivare attraverso alcuni strumenti in nostro possesso

Conclusioni

Immaginiamo per esempio di essere sdraiati, di avere accanto una persona competente e di fiducia, di respirare nel petto profondamente e poi, appena ci sentiamo pronti, di cominciare a dire molto lentamente la parola "mamma", lasciando che le labbra vibrino, percorse dal suo antico. Come possiamo non credere che la parola "mamma", così frequente ripetuta dal bambino, sempre presente in noi, non faccia riemergere, solo se noi ce lo consentiamo, tutta quella enorme mole di ricordi e di emozioni, che tanto ci hanno segnato e ci segnano ancora? 

Scopri i nostri corsi Personal Trainer, Ginnastica in Gravidanza, Ginnastica Posturale, Pilates, Yoga, Ginnastica Dolce, Scuola in Posturologia, Recupero Funzionale, Psiche e Postura, Training Autogeno

Postura e Benessere | Accademia Alta Formazione