Menu

I limiti dell’alimentazione moderna: su quali punti intervenire?I limiti dell’alimentazione moderna: su quali punti intervenire?

I difetti dell'alimentazione moderna

L’idea che i cambiamenti del nostro stile di vita siano avvenuti troppo in fretta rispetto alla capacità del nostro DNA di adattarsi è, molto probabilmente, la base biologica delle malattie che da qualche tempo ci affliggono. Il nostro corpo è sempre pronto ad accumulare facilmente grasso: questo meccanismo un tempo ci aiutava nel superare i periodi di carestia, ma oggi è deleterio. Carboidrati raffinati, oli vegetali, grassi idrogenati e alcol sono categorie di alimenti sconosciute ai nostri antenati e che oggi rappresentano una profonda mutazione rispetto ai cibi per cui siamo geneticamente programmati. 

I difetti dell'alimentazione moderna

Riassumiamo in alcuni punti quali sono i maggiori difetti dell’alimentazione moderna:

Conclusioni

Purtroppo, non siamo in grado di intervenire sul nostro genoma, ma possiamo certamente cambiare le nostre abitudini alimentari. E allora iniziamo ad eliminare dalle nostre tavole zucchero, dolci e dolcificanti, e riduciamo i carboidrati raffinati (pasta, riso, pane) preferendoli nella versione integrale. Riduciamo il consumo di alcol e di grassi saturi (burro, carni grasse, insaccati) a favore dei grassi mono e poli-insaturi (noci, semi, olio d’oliva, pesce). Minimizziamo il consumo di quei cibi acidificanti (latte e derivati, sale, formaggi) a favore di quelli alcalinizzanti (legumi, verdura, frutta, noci, semi). Infine, sostituiamo il sale con le spezie per insaporire i nostri piatti, e preferiamo le proteine nobili contenute nel pesce, nelle uova e nelle carni bianche.

Dott.essa Roberta Zupo, Biologa Nutrizionista