Stretching e mal di schiena
Menu Contattaci Scrivici su WhatsApp

Stretching e mal di schiena

Cosa c’è da sapere

Fare sport è una buona abitudine per la propria salute e per il benessere psicofisico in generale. Attenzione però, perché le posizioni assunte nell’arco della giornata, anche al lavoro, possono non essere corrette e inconsapevolmente possono causare dolori alla schiena. È proprio in queste situazioni che non bisogna dimenticare che spesso schiena e sport possono contrastare tra loro. Ci sono, infatti, alcuni sport e attività fisiche da evitare in caso di mal di schiena, mentre ci sono alcuni movimenti che invece possono aiutare ad alleviare o addirittura a prevenire questi disturbi. È utile sapere individuare i segnali che la schiena e la colonna vertebrale inviano, quali sono le attività da evitare e molto altro. Siete pronti a scoprirne di più?

Mal di schiena e attività fisica: cosa fare

Capita spesso che l’attività fisica e lo sport occupino poco spazio nella routine quotidiana di ognuno. Si tende anche a decidere di recuperare un po’ in occasione delle vacanze, dimenticando però che a lungo andare il fisico si disabitua ai movimenti. Ecco allora che un buon proposito rischia di trasformarsi rapidamente in un danno non di poco conto. Il mal di schiena è sempre dietro l’angolo e per questo è importante non chiedere al fisico di compiere sforzi a cui non è abituato. Per non incorrere in un fastidioso mal di schiena l’attività fisica deve essere moderata, graduale e ovviamente adatta al proprio fisico e capacità. Ci sono poi alcuni sport che ben si adattano anche a chi ha mal di schiena, scopriamoli nel dettaglio.

Camminata

La camminata è un’attività consigliata a tutti. Cosa ci sarà mai di preoccupante nella camminata? Bene, chi soffre di mal di schiena non deve dimenticare alcuni accorgimenti. Calzature adeguate all’attività e morbide, camminare su un piano regolare, tenere sotto controllo la postura e dare sostegno alla schiena indossando una cintura lombare.

E’ possibile anche camminare quando si ha mal di schiena, ma in questo caso l’indicazione migliore è quella di calibrare sempre l’attività fisica alla propria condizione fisica del momento, senza strafare.

Nuoto

Il nuoto è uno degli sport adatti anche per chi ha il mal di schiena in quanto non comporta un sovraccarico della colonna vertebrale. Non tutti sanno che alcuni stili non sono indicati a chi ha problemi con la schiena, come lo stile a rana, motivo per cui è sempre bene contattare anche un esperto prima di scegliere lo sport da svolgere.

Yoga e Pilates

Attività come lo yoga e il pilates sono indicate per chi ha problemi con la schiena. Da una parte lo yoga aiuta a contrastare la tensione muscolare, dall’altra il pilates aiuta a migliorare la postura e a potenziare la muscolatura. 

Stretching e mal di schiena: cosa c’è da sapere

Fare stretching è una delle migliori soluzioni per la salute in generale. Lo stretching è consigliato prima dell’attività fisica vera e propria, poco importa che si tratti di piegamenti, addominali, cardio, torsioni o altro. Quando si parla di stretching si parla di allungamento e stiramento muscolare, fondamentale sia per chi si allena con costanza, sia per chi trascorre gran parte della giornata a sedere al lavoro o in posizioni che a lungo andare affaticano la colonna vertebrale e i muscoli della schiena. Avere muscoli rigidi e contratti ha ripercussioni su tutta la postura e il mal di schiena, sempre che non sia causato da altre patologie o disturbi, può essere alleviato con lo stretching. Questo, infatti, aiuta a rilassare i muscoli e a ritrovare sollievo immediato in moltissime situazioni. 

Stretching alla schiena: cosa fare

Durante il giorno si possono assumere inavvertitamente delle posizioni non corrette. Questo può dipendere da supporti o sedute inadeguate, ma anche da abitudini posturali errate di cui non si è a conoscenza. A lungo andare ciò determina un sovraccarico biomeccanico dei dischi intervertebrali ed è proprio questo che provoca fastidio e dolore. In situazioni di maggiore pressione dei dischi intervertebrali si può intervenire con la torsione della schiena, un movimento che può portare a un sollievo immediato. 

Nello specifico, la torsione alla schiena è uno dei più semplici esercizi di stretching da effettuare e che aiuta a riallineare i movimenti delle vertebre. Il nostro corpo poi, può anche mandare segnali inequivocabili come il classico schiocco della schiena. Può capitare che simili segnali si verifichino in modo ripetuto e in relazione a sintomi più o meno dolori. In tali situazioni è bene farsi visitare da uno specialista che saprà analizzare le cause del dolore e predisporre gli opportuni esami di rito. Un percorso terapeutico ad hoc può prevedere interventi manuali come manipolazioni, un percorso di fisioterapia specifico e via dicendo.

Mal di schiena: quali sport evitare

Quando avete dubbi sull’attività fisica da svolgere, soprattutto se avvertite del mal di schiena, è bene non esagerare con i movimenti. La schiena, infatti, è un’area del corpo molto delicata in quanto subisce tutte le forze e i carichi che provengono sia dal basso che dall’alto. Ecco spiegato perché in caso di mal di schiena è bene non correre, fare pesi o andare in bicicletta. Queste non sono certo attività da condannare o da eliminare in modo categorico, ma in questi casi è sempre meglio non sollecitare la schiena in modo eccessivo.

Mal di schiena al lavoro: come rimediare

Come già accennato, è importante riuscire ad individuare i segnali che la schiena e la colonna vertebrale mandano. Un mal di schiena lieve e sporadico può essere risolto con semplici movimenti ed esercizi di stretching, ma non solo. Se ad esempio svolgete un lavoro sedentario che vi porta a stare a lungo seduti alla scrivania davanti al pc potete adottare anche alcuni accorgimenti così da contrastare la comparsa dei dolori. Una buona idea è quella di tenere lo schermo del pc al livello degli occhi, così da non sforzare la zona cervicale. Un’altra buona abitudine è quella di alzarsi a intervalli regolari, ogni 30/40 minuti e fare qualche passo anche in ufficio quando se ne ha la possibilità. 

Alessio Guaglianone

Posturologo, Massoterapista

Mi chiamo Alessio Guaglianone, il percorso formativo, dopo il diploma di scuola secondaria, continua con la laurea in scienze motorie e specialistica in scienze dell'attività motoria preventiva ed adattata. Durante questi anni di studio, ho scoperto la mia grande passione per la Ginnastica Posturale, cosi ho deciso di iscrivermi al master in Posturologia. Dopo aver completato il Master in decido di frequentare la scuola da Massoterapista.

Il Sistema Vestibolare

L'importanza del sistema vestibolare nella postura

Addominali: quante volte a settimana?

Ci sono tempistiche precise da rispettare?

Postura e cellulite: quale relazione?

Quali sono i comportamenti suggeriti?

Stretching e mal di schiena

Cosa c’è da sapere

Psoas infiammato: cosa fare

Sintomi e consigli per stare meglio