Quali sono i rischi di una vita troppo sedentaria?
Menu Contattaci Scrivici su WhatsApp

Quali sono i rischi di una vita troppo sedentaria?

7 sconcertanti effetti negativi della sedentarietà

In ufficio, a casa davanti alla tv, al computer o alla consolle dei videogiochi, in tram o sul treno, in macchina: quante ore della giornata passiamo seduti? Troppe, e i rischi di questa cattiva di abitudine non sono da sottovalutare.
La vita sedentaria, infatti, espone a un rischio maggiore di morte prematura, rendendo il fisico più vulnerabile a una serie di patologie croniche degenerative, dalle malattie cardiache al diabete. Eppure, nonostante studi e ricerche degli ultimi anni dicano che limitare il tempo giornaliero dedicato all’attività fisica sia un errore, sono in molti ad ammettere di non aver mai svolto attività fisica e di avere uno stile di vita sedentario. E l’Italia non fa eccezione.
 Vediamo dunque quali sono i rischi, e cosa possiamo fare per migliorare le nostre abitudini.

Vita attiva e vita sedentaria

Secondo le linee guida del Ministero della Salute, che riprendono la definizione dell’Oms, per attività fisica si intende “ogni movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici che comporti un dispendio energetico: in questo sono incluse le attività effettuate lavorando, giocando, dedicandosi alle faccende domestiche, viaggiando e impegnandosi in attività ricreative”. L’opposto, argomenta il documento, è vita sedentaria.

“Il termine attività fisica – dicono ancora le linee guida – non andrebbe confuso con il termine esercizio, caratterizzato dal fatto di essere pianificato, strutturato, ripetitivo”. E a questo proposito, l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda:

Quando uno stile di vita può dirsi sedentario

7-8 ore al giorno trascorse senza muoversi dalla sedia sono già rischiose. Le persone che hanno questi ritmi di vita, ci rivela uno studio pubblicato l’estate scorsa dalla rivista Jama Cardiology, hanno infatti delle abitudini molto simili a quelle di chi, oltrepassando le 10 ore giornaliere di inattività, è sottoposto al rischio di problemi cardiaci.

E a confermarcelo è anche l’‘università del Texas che, dopo aver rianalizzato i risultati di nove studi sul tema, per un totale di oltre 700mila casi e oltre 25mila eventi cardiovascolari, ha concluso che chi sta seduto oltre 10 ore al giorno ha l’8% in più di rischio cardiovascolare rispetto a chi non oltrepassa le 3. Chi addirittura non si alza dalla sedia per mezza giornata ha una probabilità più alta del 14%.

7 sconcertanti effetti negativi della sedentarietà

Mettendo insieme tutte le ultime ricerche, svolte da istituti qualificati e da università tra le più prestigiose, è possibile mettere a punto un quadro abbastanza preciso e inquietante dei danni che lo scarso movimento e lo stare seduti troppo a lungo possono provocare:

Inattività: uno stile di vita che può avere gravi conseguenze

L’inattività fisica accomuna una buona fetta della popolazione mondiale: secondo l’Oms si tratta del quarto più importante fattore di rischio di mortalità: oltre 3 milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell’inattività fisica. Le conseguenze, tuttavia, possono essere anche altre, meno gravi ma comunque debilitanti: questo stile di vita poco rispettoso delle esigenze del corpo può determinare infatti un calo dell’umore, stati di depressione, un invecchiamento precoce.

Qualche idea per rimettersi in movimento

Oltre che svolgere attività fisica costante, per rimediare alla sedentarietà bisognerebbe studiare soluzioni alternative, da mettere in atto anche mentre si lavora, come programmare pause di 3 minuti ogni mezz’ora e riunioni all’aperto, nel bel mezzo di una passeggiata. Tuttavia, chi lavora in ufficio sa che si tratta di tattiche un po’ complicate da attuare nella realtà, ecco perché, fuori dal lavoro, diventa ancor più importante sfruttare tutte le occasioni a nostra disposizione per fare attività fisica, concedendoci durante la settimana una pedalata, una camminata, qualche esercizio casalingo.

Svolgere attività fisica in maniera regolare, in conclusione, è una delle tre regole d’oro del vivere sano, insieme alla cura dell’alimentazione e all’abitudine a sottoporsi a controlli ed esami medici periodici.

Dr. Alessio Guaglianone, specialista dell'attività motoria preventiva ed adattata

Postura e Benessere Academy