Cellulite: quale attività fisica scegliere?
Menu Contattaci Scrivici su WhatsApp

Cellulite: quale attività fisica scegliere?

Rimedi e Attività fisica

La cellulite è un fenomeno che colpisce in modo particolare i soggetti di sesso femminile, circa il 95% delle donne contro il 5% del sesso maschile. Si stima, inoltre, che soffrano di questo problema più dell’80% delle donne tra Europa e America. La ragione di questa prevalenza del fenomeno cellulite nelle donne è da ricercarsi nel fatto che lo strato superiore sottocutaneo della donna è diverso da quello dell’uomo. In particolare, nelle donne, è più facile per le cellule adipose penetrare all'interno del tessuto connettivo (ecco perché la cellulite è associata al sovrappeso). In presenza di cellulite il tessuto cutaneo appare turgido e a volte dolorante (il dolore è causato dal processo irritativo che si verifica a carico delle terminazioni nervose sensitive), con il caratteristico aspetto superficiale a buccia d'arancia. La cellulite interessa solitamente la radice degli arti inferiori, i glutei, la zona lombare. 

Cause della Cellulite

La cellulite è l'inestetismo più frequente e, sicuramente, il più odiato dalle donne. Sono i famosi cuscinetti che si vengono a formare e localizzare su cosce, glutei, addome e zona lombare, antiestetici a vedersi e talvolta anche dolorosi al tatto. In pratica è una patologia vera e propria che colpisce il pannicolo adiposo presente nello strato sottocutaneo che si presenta esternamente come inestetismo. Questo strato adiposo, però, svolge diverse e importanti funzioni tra le quali quella di proteggere gli organi interni dagli urti, di isolare dal freddo, di fungere da riserva energetica; quindi è bene ricordarsi di non accanirsi nell’eccessiva lotta per la sua totale eliminazione. Anzi, ciò che rende la donna piacevole e bella a vedersi è proprio questa parte di adipe che forma quella morbida silhouette curvilinea che ispira, da sempre, artisti di tutto il mondo. Se però l'introduzione di grassi, carboidrati e proteine nella dieta, è maggiore rispetto a quella sufficiente per mantenere attivo il metabolismo, si ha un deposito superiore, con la comparsa di stasi venoso-linfatica e della ”pelle a buccia d’arancia”. In più ci sono fattori predisponenti come gli scompensi ormonali che si verificano in fasi della vita femminile quali pubertà, gravidanza e menopausa; ereditarietà, legata soprattutto a problemi di natura circolatoria e fragilità capillare; stress ecc.. poiché ritmi frenetici, alimentazione errata, fumo e scarso riposo notturno determinano nell'organismo uno stato di squilibrio che può compromettere la normale funzionalità di organi e tessuti. Il riappropriarsi di ritmi equilibrati, alimentazione bilanciata, regolare attività fisica e massaggi, sicuramente porteranno a risultati apprezzabili. 

Stadi evolutivi della cellulite

La cellulite estetica si può dividere in tre fasi di crescita e peggioramento: 

Rimedi alla Cellulite: quale attività fisica scegliere?

Sporti indicati

Per combattere al meglio il problema della cellulite è consigliabile praticare Sport. Ecco quelli che vengono maggiormente indicati in medicina funzionale e preventiva: 

Sport non indicati

In genere sono da evitare tutti quegli sport che richiedono forze esplosive, scatti rapidi, eccessivo sovraccarico degli arti inferiori e superiori, lavoro anaerobico, poiché impediscono l'ottimale ossigenazione dei tessuti e favoriscono l'accumulo di acido lattico.

Alessio Guaglianone

Posturologo, Massoterapista

Mi chiamo Alessio Guaglianone, il percorso formativo, dopo il diploma di scuola secondaria, continua con la laurea in scienze motorie e specialistica in scienze dell'attività motoria preventiva ed adattata. Durante questi anni di studio, ho scoperto la mia grande passione per la Ginnastica Posturale, cosi ho deciso di iscrivermi al master in Posturologia. Dopo aver completato il Master in decido di frequentare la scuola da Massoterapista.

Addominali: quante volte a settimana?

Ci sono tempistiche precise da rispettare?

Postura e cellulite: quale relazione?

Quali sono i comportamenti suggeriti?

Stretching e mal di schiena

Cosa c’è da sapere

Psoas infiammato: cosa fare

Sintomi e consigli per stare meglio

Posturologia: perché è utile conoscerla

L'importanza di un approccio multidisciplinare