Menu Contattaci

Vertigine: causa, valutazione e trattamentoVertigine: causa, valutazione e trattamento

Quando la vertigine non è causata dal labirinto dell’orecchio interno

Cinetosi, l’incubo del viaggio

La cinetosi, o mal di movimento, affligge circa il 28% della popolazione, a soffrirne, sono soprattutto le donne. Il primo a descriverne i sintomi fu ,nell’Antica Grecia, Ippocrate il quale disse << navigare sul mare dimostra che il movimento disturba il corpo>>. Il sintomo principale della cinetosi è la vertigine, alla quale si associano altri sintomi quali:nausea, mal di testa, sudore freddo ed elevata salivazione.

Cinetosi, altre cause oltre il labirinto

Le vertigini, richiamano, spesso alla mente una problematica derivante da problemi del labirinto interno dell’occhio, ciò, però non è sempre vero, difatti vertigini e instabilità possono avere origini diverse, tra queste vi è quella di origine visiva (spesso in questo caso alle vertigini si associano nausea e mal di testa).

La cinetosi si sviluppa quando vi è una cattiva integrazione dei segnali proveniente dall’esterno (da sistema visivo e sistema vestibolare) per cui si viene a creare un “mismatch neurale” (cioè uno scambio d’informazioni sbagliate).

La Sindrome Vertiginosa Visiva

Se la causa delle vertigini è di origine oculare, si avranno sintomi caratteristici che sono molto lontano rispetto a quelli della sindrome vertiginosa determinata dal labirinto, poiché questi sintomi possono scatenarsi quando il soggetto è comodamente seduto in poltrona a guardare un film con scene molto dinamiche (come inseguimenti di macchine),cioè mentre il corpo si trova in posizione comoda, stabile e statica, per tale motivo il sistema vestibolare è scarsamente o per nulla stimolato. Ciò è provocato, quindi, dal movimento all’interno del campo visivo senza uno spostamento reale del corpo: oltre alla visione di un film “movimentato”,l’insorgenza dei sintomi può avvenire anche in caso dell’osservazione di oggetti che si muovono rapidamente (come un treno in corsa),che ruotano (ad esempio osservando una giostra), oscillano (come pendoli) e in seguito a variazione continue d’intensità luminosa.

La causa di tutto ciò va ricercata nelle connessioni neurologiche tra sistema visiva e sistema vestibolare, infatti, alcune terminazioni nervose provenienti dagli occhi o dai muscoli oculomotori sono collegate con terminazioni nervose coinvolte nell’equilibrio e nella postura. Normalmente, se ruotiamo la testa o gli occhi rapidamente, esistono dei meccanismi compensatori che ci consentono di mantenere l’equilibrio, a volte però questi meccanismi sono inefficienti e si manifestano, quindi, instabilità e vertigine. I sintomi specifici della Sindrome Visiva Vertiginosa sono:

Pietro Ammendola, Posturologo,Ortottista,Laureato in Scienze Motorie