Menu Contattaci Scrivici su WhatsApp

Allenamento glutei: squat frontale o squat classico?

Differenze tra squat frontale e squat classico

Al fine di poter saltare in tutte le maniere, correre, cambiare direzione e senso, accelerare ed arrestarsi, è indispensabile allenare in modo sistematico gli arti inferiori: parlare quindi dell'importanza del loro allenamento nella preparazione atletica o nel fitness risulta assai superfluo.

Squat frontale v Squat classico

Nel momento in cui vengono interessate più articolazioni all'interno della stessa esecuzione, l'esercizio viene definito poliarticolare. E' questo il caso dello squat che attiva i seguenti sistemi:

E' l'esercizio più trascurato e sottostimato in palestra e nella preparazione atletica. Molte persone iniziano con lo squat classico senza essere pronti a farlo, sia dal punto di vista tecnico sia da quello della coordinazione e fluidità delle catene cinematiche e articolari coinvolte. Lo squat frontale non solo "insegna" la corretta tecnica dello squat, ma rispetto allo squat classico presenta:

Squat frontale: esecuzione

Il front squat è una variante dello squat classico, che prevede l'appoggio del bilanciere sulle clavicole e sui deltoidi anteriori anziché sulla spina delle scapole. Tale variante comporta un maggior impiego dei quadricipiti e un minore coinvolgimento degli ischiocrurali. CIò è conseguenza del fatto che quando il bilanciere è posizionato dietro, il busto durante la fase eccentrica può inclinarsi in avanti, tramite il "fermo" rappresentato dal complesso scapolo-collo. Al contrario, mantenendo il bilanciere davanti, il busto deve rimanere più eretto durante l'esecuzione del movimento, altrimenti il bilanciere rischia di scivolare in avanti: non è dunque possibile un sostanzioso aiuto da parte dei lombari e il lavoro è maggiormente a carico della muscolatura delle cosce ( in particolare di glutei e quadricipiti).

Dr. Alessio Guaglianone, laureato in scienze motorie