Menu Contattaci

Disturbo dell’articolazione temporo-mandibolare: cos’è e cosa provocaDisturbo dell’articolazione temporo-mandibolare: cos’è e cosa provoca

Sono alterazioni che colpiscono con maggior frequenza le donne e si possono presentare anche in giovane età e continuare nel tempo

Molte persone soffrono di sintomi anche doversi tra loro quali mal di testa, mal d’orecchio, acufeni, tensione muscolare e articolare della mandibola, dolore sordo al viso e tutti potrebbero avere in comune dei disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM). Sono alterazioni che colpiscono con maggior frequenza le donne e si possono presentare anche in giovane età e continuare nel tempo. La mandibola si connette con le ossa del cranio per mezzo delle articolazioni temporo-mandibolari. Se appoggiate entrambe le mani ai lati del viso, davanti alle orecchie, chiudendo e aprendo la bocca, potete sentire il movimento della mandibola nell’articolazioni temporo-mandibolari, le quali ci permettono di mangiare, ridere, parlare e sorridere.

Quali sono le cause dei disturbi temporo-mandibolari?  

Non sempre è possibile determinare l’esatta causa dei disturbi temporo-mandibolari, ma si ritiene che il fattore più importante sia il sovraccarico di lavoro al quale i muscoli masticatori sono sottoposti. Questa articolazione, infatti, nonostante così piccola, viene sottoposta ad un intenso lavoro di attività muscolare continuo. Particolari situazioni stressanti fisiche e mentali, oltre a sottoporre le articolazioni ad uno sforzo prolungato ed eccessivo, possono dar luogo a tensione muscolare e spasmi, iniziando un circolo vizioso, che se non interrotto, può portare alla cronicizzazione del disturbo. Altri fattori aggravanti possono essere digrignamento e serramento dei denti (bruxismo), traumi, artriti, problemi di occlusione ed altri problemi dentali connessi ad altri fattori.

Cosa fare per alleviare i dolori dell’articolazione temporo-mandibolare?

E nei casi specifici adottare degli ausili (bite) e/o trattamento ortodontico personalizzato. 

Data la multifattorialità del problema è importante affidarsi ad un team multidisciplinare (dentista, fisioterapista, logopedista) che possa valutare ed affrontare il problema nella sua totalità. In molti casi i sintomi possono migliorare rapidamente se trattati precocemente.



Dott.ssa Silvia Margarito, Laureata in Fisioterapia