Menu Contattaci

Metodo Pilates: ecco i beneficiMetodo Pilates: ecco i benefici

Lavorando con il corpo si sviluppa anche la mente, che è il motore principale dei nostri muscoli

Parliamo un po’ di “Contrology”, ma cos’è? 

“Contrology”, così chiamato dal suo inventore J. U. Pilates, si riferisce al sistema di allenamento oggi più comunemente conosciuto come “Metodo Pilates”.

Esso pone l’attenzione ed incoraggia l’uso della mente per controllare i muscoli, perché molto importante è la consapevolezza di ogni singolo movimento eseguito, con particolare attenzione alla qualità di esecuzione, alla postura, ma soprattutto alla respirazione. Infatti essa era (ed è anche oggi), il punto di partenza negli esercizi eseguiti da J. H. Pilates in Contrology. La respirazione doveva essere profonda, il petto espandersi al massimo e poi restringersi nell’espirazione, come una spugna, per far si che l’aria impura, le tossine, venissero buttate fuori.

J. H. Pilates era fortemente convinto che la mente giocasse un ruolo fondamentale, infatti è il sistema nervoso che controlla il movimento di ogni singolo muscolo e quindi l’equilibrio muscolare che sta alla base di Contrology. Egli voleva trovare un metodo che fosse utile alle azioni della vita quotidiana imparando a muoversi nel modo corretto come ad esempio camminare in modo armonico con fluidità, leggerezza, migliorando l’elasticità dei muscoli. J. H. Pilates dava molta importanza anche al tempo dedicato al gioco, al bisogno di scaricarsi dalla pesantezza mentale e fisica evitando così lo stato aggressivo, la rabbia che possono scaturire dagli “stressors” quotidiani.

Lavorando con il corpo si sviluppa anche la mente, che è il motore principale dei nostri muscoli, ci permette di eseguire i movimenti in maniera funzionale alle nostre necessità, per questo massima attenzione viene posta ad essa, solo così possiamo raggiungere il pieno controllo del corpo e dei movimenti che decidiamo di svolgere, sia quotidiani sia durante lo svolgimento di quelli strutturati.

Gli esercizi proposti nel metodo Pilates mirano ad acquisire consapevolezza del proprio respiro, della postura quindi l’allineamento corretto della colonna vertebrale che deve avere delle curve denominate, (a seconda della concavità o convessità), “cifosi” o “lordosi” con l’obbiettivo di rinforzare i muscoli che la sostengono soprattutto quelli più profondi e insieme ad essi anche i muscoli addominali e della pelvi. Tutti insieme questi muscoli costituiscono la “Power House”, termine coniato da J. H. Pilates per indicare tutti i muscoli che vanno dalla base inferiore delle costole fino alla pelvi, fianchi e glutei in particolare: i muscolo retto dell’addome, obliqui e trasverso, paraspinali, quadrato dei lombi, muscoli del pavimento pelvico, ileo psoas, glutei e flessori dell’anca.

Essi rappresentano il baricentro del corpo, il punto cardine della mobilità del tratto lombare ed è molto importante riuscire ad acquisire la consapevolezza dei movimenti del bacino in antiversione, retroversione e neutro per riuscire a muoverlo in maniera corretta negli esercizi proposti durante le lezioni di Pilates.

Inoltre i muscoli della “Power House” sono una solida base per ogni movimento, svolgono la funzione di stabilizzazione e di trasferimento della forza dalla parte alta del corpo alla parte passa e viceversa, insomma un centro funzionale, il loro rinforzo permette di migliorare la postura, aumentare la forza, la flessibilità, la coordinazione dei movimenti, raggiungendo un benessere totale.

E quali sono i benefici che derivano dalla sua pratica?

In generale con il Pilates si possono eseguire centinaia di esercizi e stimolare, non solo i muscoli della “Power House” ma tutti i muscoli del corpo. Se svolti costantemente e nel rispetto dei principi fondamentali (dei quali parleremo nello specifico nel prossimo articolo) gli esercizi del Metodo Pilates permettono di ottenere numerosi benefici, ad esempio:

Questi sono solo alcuni dei benefici che si possono ottenere.

Contrology ,è stato ideato e sperimentato per esercitare ogni muscolo al fine di migliorare il flusso sanguigno per nutrire i tessuti di tutto il corpo, migliorare la flessibilità di tutti i legamenti e muscoli stimolandoli e sviluppandoli in maniera uniforme, correggere posture errate, ripristinare la vitalità fisica, raggiungere il dominio della mente sul completo controllo del corpo, risvegliare migliaia di cellule cerebrali attivando così nuove aree della mente stimolandone il funzionamento. Per ottenere tutto ciò non basta crederci fortemente, desiderarlo o svolgendo uno sforzo unico, ma serve un impegno costante fino a farlo diventare uno stile di vita.

Pochi movimenti ben progettati ed eseguiti correttamente con una sequenza equilibrata valgono più di ore intere di esercizi eseguiti sciattamente o di contorsioni forzate’ (Joseph H. Pilates);

Se la colonna è inflessibile e rigida a 30 anni siete vecchi, se è flessibile a 60 siete giovani (Joseph H. Pilates);

In 10 lezioni sentirai la differenza, in 20 lezioni vedrai la differenza, in 30 lezioni avrai un corpo nuovo (Joseph H. Pilates).

Valentina Mazzeo, laureata in scienze motorie, insegnante Pilates